Accueil - sefarad.org
Loading

Moïse Rahmani

Leo S. Olschki, una delle pił anziane casa editrice italiane (7 juillet 2011)

    MENU    

SEFARAD.org
Moïse
Billet humeur
Ouvrages
Livres
Réaction
Belsef
DONS

Page PRECEDENTE


La Casa Editrice Leo S. Olschki, una delle più anziane casa editrice italiana,  fu fondata nel 1886 dall'omonimo editore e libraio antiquario di origine polacca a Verona. Successivamente viene trasferita a Venezia e poi a Firenze.

 

 

Studi e testi per la storia della tolleranza in Europa nei secoli XVI-XVIII, vol. 13

 

Chiave di lettura per la comprensione dell’opera di Antonio Rotondò, questa raccolta traccia lo scenario  ell’incontro ideale con le ricerche di Richard H. Popkin. I contributi offrono spunti di ricerca che spaziano da aspetti specifici dell’ebraistica cristiana di età moderna al ruolo dello scetticismo nel processo fondativo di

un’etica laica, dalla diffusione dello spinozismo che innerva i decenni cruciali tra la fine del ’600 e l’inizio del ’700, fino alla teorizzazione politica e alla codificazione giuridica della tolleranza.

 

The purpose of these volumes is to give a contribution to the synthetic understanding of Antonio Rotondò’s activity as a historiographer, as well as the possibility of an ideal merging of his work with Richard H. Popkin’s research. The essays provide a variety of researches, ranging from specific aspects of Christian Hebrew studies in the modern age to the role of sceptic trends in the foundation of secular ethics. At the same time, a primary focus would be from the spreading of Spinozism, which constitutively enters the crucial decades from the late seventeenth and the early eighteenth centuries, up to the political theorization and juridical coding of toleration

 

La centralità del dubbio

Un progetto di Antonio Rotondò

A cura di Camilla Hermanin e Luisa Simonutti

1012 pagine  98,00 euros - ISBN 978 88 222 5968 4

 

*********

 

Lessico Intellettuale Europeo, vol. 110

 

Il De incantationibus, l’unica opera di Pietro Pomponazzi iscritta nell’Indice dei libri proibiti, propone una spiegazione fisica dei fenomeni magici in diretta polemica con la letteratura demonologica e inquisitoriale, che negli stessi anni andava alimentando la caccia alle streghe.

 

Lo scritto, che ebbe un’elaborazione tormentata e che forse l’autore non considerò mai concluso, circolò ampiamente in forma manoscritta fino alla princeps curata da Guglielmo Gratarol nel 1556.

 

De incantationibus, the only book by Pietro Pomponazzi included in the Index of Forbidden Books, offers a physical explanation of magical phenomena in direct opposition to demonological and inquisitorial literature, which fuelled the witch-hunt in the same years.

 

The writing was the result of laborious work and maybe the author never considered is completed. It circulated widely in manuscript form until the editio princeps of 1556 by Guglielmo Gratarol.

 

Pietro Pomponazzi De Incantationibus A cura di Vittoria Perrone Compagni

con la collaborazione codicologica di Laura Regnicoli

.236 pagine  40,00 euros - ISBN 978 88 222 6032 1

 

*********

 

 

 

 

Biblioteca di «Galilæana». vol. 2

 

Il volume contiene le mille sfaccettature di cui si compone la vicenda dei processi e della

condanna galileiana, che ha dato voce anche alle tante questioni e ai tanti significati che quella condanna ha avuto nella cultura e nella società europea in età moderna e contemporanea.

 

This volume addresses the multi-faceted aspects of Galileo’s trial and condemnation for heresy, a condemnation which has given rise to many questions and many interpretations in the European culture and society in modern and contemporary times.

 

Sezioni (Sections): Lectiones magistrales • Cosmologia e teologia: la condanna del 1616 • I due processi: premesse e contesti • Il «caso Galileo» tra ’600 e ’700  il «caso Galileo» tra ’800 e ’900.

 

Il Caso Galileo una rilettura storica, filosofica, teologica

Atti del Convegno internazionale di studi A cura di Massimo Bucciantini,

Michele Camerota e Franco Giudice

522 pp. con 21 figg. n.t. e DVD allegato -. 48,00 euros - ISBN 978 88 222 6039 0

 

*********

 

Biblioteca della «Rivista di Storia e Letteratura Religiosa». Studi, vol. 24

 

Se la novità cristiana è rendere visibile ciò che visibile non è, una domanda s’impone anche allo storico: il credere, col conseguente vedere, è produttivo di conoscenze storicamente accertabili?

L’interrogativo nasce dalla tradizione cristiana, ma si spinge all’essenza stessa delle fedi.

Il volume presenta quattro filoni d’indagine posti criticamente in relazione e una serie di casi da esplorare: dall’apparizione di Maria a Tirano alle teste di Pietro e Paolo in Laterano, dai miracoli nell’antica gnosi alla

circumambulazione islamica.

 

If the novelty of Christianity consists in making visible what is invisible, then a question arises for the historian: do believing and consequent seeing produce historically verifiable knowledge? The question originates from the Christian tradition but concerns the essence of faiths. The volume presents four lines of inquiry and some cases to explore: Marian apparitions, the heads of Saints Peter and Paul in the Lateran basilica, miracles in ancient Gnosticism, Islamic circumambulation.

 

Del visibile credere Pellegrinaggi, santuari, miracoli, reliquie

A cura di Davide Scotto Introduzione di Giorgio Cracco

328 pagine - 38,00 euros - ISBN 978 88 222 5995 0

 

Casa Editrice Leo S. Olschki

 

Viuzzo del Pozzetto, 8
50126 Firenze

tel. +39 055 6530684
fax +39 055 6530214

http://www.olschki.it

 

*********

 

 

- Copyright © sefarad.org - 1997 - 2017

Retour au site sefarad.org -